Loading....

Autore: info@avisvimercate.it

Traguardo 200esima donazione di sangue per DANIELE COLNAGHI!

In 50 anni ha donato sangue per 200 volte, Daniele Colnaghi classe 1952 ha raggiunto l’importante traguardo con una donazione di sangue. Inoltre è il socio donatore più longevo ancora in attività.

Presenti Fausto Galbiati, Presidente Avis Vimercate, Sergio Valtolina, Vice Presidente, il dottor. Angelo Rosana (dirigente medico centro trasfusionale) e la coordinatrice infermieristica Simona Mapelli.

Ringraziamo Daniele per la sua eccezionale disponibilità sia come donatore che come dirigente avisino.

Grazie all’Infermiera Isa

Dopo una lunga collaborazione la “nostra” infermiera Isa (Artemisia Verderio) ha raggiunto il traguardo della pensione. Un immenso ringraziamento per tutto quello che hai fatto in tutti questi anni con grandissima professionalità ed umanità verso tutti i donatori AVIS.

Da tutta l’Associazione un augurio di una vita ricca di soddisfazioni. Grazie ancora.

CONCORSO “CREA LA COPERTINA DEL DIARIO AVIS 2021/2022”

AVIS è sempre più vicina agli studenti, alle famiglie e alle scuole del territorio.

Anche quest’anno infatti, i circa 3.800 allievi delle scuole secondarie di primo grado dei comuni afferenti alle Avis comunali di VIMERCATE (che raccoglie anche i donatori di Aicurzio, Bellusco, Burago di Molgora, Concorezzo, Mezzago, Sulbiate e Usmate Velate) BUSNAGO, ARCORE e ORNAGO  riceveranno in omaggio un simpatico diario.

La presentazione dell’iniziativa avverrà insieme alla premiazione del concorso “Crea la copertina del Diario Avis 2021/2022Sabato 29 Maggio 2021 alle ore 11.00 presso l’Auditorium “Giampiero Cavenago”, via Donatori AVIS-AIDO di Sulbiate, sede della scuola dell’alunna vincitrice del concorso.

In questa occasione verranno premiati, con Buoni acquisto di libri scolastici, gli alunni:

1° Aurora PELLEGRINO
2ªD Istituto Comprensivo “M.Montessori” , Sulbiate

2° Riccardo DE VECCHI
2ªB Istituto Comprensivo “Falcone Borsellino” , Bellusco

3° Davide BURATTI
2ªC Istituto Comprensivo “Don MIlani” , Scuola “Don Zeno Saltini”, Vimercate

Anche per il prossimo anno, da Settembre a Giugno gli studenti avranno così gratuitamente a disposizione uno strumento utile sia per segnare i principali appuntamenti della vita scolastica (interrogazioni, compiti in classe, gite e altro) sia per conoscere, in maniera semplice e divertente, l’Avis e il dono del sangue.

“Con il nostro diario – spiega il presidente dell’Avis Comunale Vimercate, Cav. Sergio Valtolina, anche a nome e per conto dei Presidenti delle Avis coinvolte – portiamo il messaggio della donazione di sangue e più in generale della solidarietà nelle scuole, che da sempre rappresentano uno degli interlocutori principali della nostra Associazione. E’ significativo ricordare che da diversi anni AVIS è presente nelle scuole grazie anche a un protocollo d’intesa con il Miur recentemente rinnovato da AVIS Nazionale”.

ASSEMBLEA ELETTIVA DEI SOCI 2021 E RELAZIONE ATTIVITÀ 2020

ATTENZIONE: LA DATA DELL’ASSEMBLEA E’ VARIATA!

Il Consiglio Direttivo, nel rispetto delle vigenti norme associative, convoca l’Assemblea Elettiva dei Soci per il giorno 7 Maggio 2021 alle ore 17.00 in prima convocazione ed alle 18.00 in seconda convocazione, presso il TeatrOreno in Via Madonna 14 ad Oreno di Vimercate.

La data potrà subire ulteriori variazioni in base alla situazione pandemica.

COVID, I DONATORI VERRANNO VACCINATI DOPO LE CATEGORIE PIU’ A RISCHIO

Il comunicato congiunto di Centro nazionale sangue e CIVIS, il Coordinamento che raccoglie le principali associazioni di donatori, chiarisce le disposizioni del ministero della Salute

 

I donatori di sangue potranno essere vaccinati contro il Covid dopo le categorie più a rischio già individuate dal piano attuale. È quanto si legge nel comunicato stampa congiunto di Centro nazionale sangue e CIVIS, il Coordinamento che raccoglie le principali associazioni di donatori (AVIS, FIDAS, FRATRES e Croce Rossa Italiana), che fa ulteriore chiarezza sulle disposizioni del ministero della Salute.

 

«La vaccinazione dei donatori di sangue potrà essere prevista successivamente alla vaccinazione delle categorie fragili a rischio – si legge -, secondo quanto verrà stabilito negli aggiornamenti del documento “Raccomandazioni ad interim sui gruppi target della vaccinazione anti-SARSCoV-2/COVID-19 – marzo 2021”ferma restando la possibilità del donatore di sangue di essere sottoposto a vaccinazione qualora rientri in una delle altre categorie individuate dal medesimo Piano».

 

Anche l’eventuale utilizzo dei presidi sanitari adibiti a Centri di Raccolta Sangue, quale punti di vaccinazione straordinaria, come in procinto di attuazione in alcune zone, quindi, non è da intendersi collegato alla vaccinazione dei donatori, bensì a quella delle categorie già previste.

 

Dall’inizio della pandemia, ricorda il Cns, il Sistema Trasfusionale si è attivato per garantire la massima sicurezza per procedure, a partire dalla raccomandazione di prenotare la donazione, e percorsi dedicati. Le indicazioni vengono aggiornate periodicamente per tenere conto di tutti gli aspetti della trasmissibilità del virus che emergono nel corso del tempo.

 

«Il risultato degli sforzi che abbiamo messo in campo insieme alle Strutture Regionali di Coordinamento ed alle Associazioni e Federazioni del CIVIS (AVIS, CRI, FIDAS e FRATRES) è che la donazione rimane una procedura assolutamente sicura – ricorda il direttore del Cns Vincenzo De Angelis – Non si hanno notizie di focolai tra i donatori o gli operatori dei centri di raccolta. I donatori non rappresentano quindi una categoria più a rischio di contrarre il virus».

 

A livello locale, segnala la nota del Ministero, alcune iniziative hanno fatto intendere la possibilità di vaccinare i donatori in anticipo rispetto ad alcune categorie previste dal Piano.

 

«La richiesta da parte dei donatori di essere vaccinati è comprensibile – afferma Paolo Monorchio, Coordinatore pro tempore del CIVIS -, e una volta esaurita la vaccinazione delle categorie più a rischio sarà possibile occuparsi dei donatori che ringraziamo perché, con il loro gesto periodico, anche in questa lunga pandemia continuano a garantire un Livello Essenziale di Assistenza. Nel frattempo però si può continuare a donare in sicurezza, senza aver paura di contagiarsi, anche nelle zone rosse».

Back To Top